Requisiti di impianto elettrico a norma di legge

I 3 livelli di certificazione degli impianti

In questo articolo vi illustreremo i requisiti di un impianto elettrico a norma.

Per dirsi a norma di legge, un impianto deve seguire la normativa CEI. Il CEI, come si legge sul sito web dell'associazione, è il Comitato Elettrotecnico Italiano,"Associazione di diritto privato, senza scopo di lucro, responsabile in ambito nazionale della normazione tecnica in campo elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni,con la partecipazione diretta - su mandato dello Stato Italiano - nelle corrispondenti organizzazioni di normazione europea (CENELEC –Comité Européen de Normalisation Electrotechnique) e internazionale (IEC –International Electrotechnical Commission)”.

La norma che stabilisce i requisiti di impianti elettrici di bassa tensione sia a livello industriale sia in ambito residenziale è la CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua”.

In origine la norma CEI 64-8 riguardava la sicurezza delle persone e dei beni senza alcun riferimento al progetto impiantistico. Nel marzo del 2011è stata introdotto unavarianteche stabiliscedei livelli minimi di usabilità e fruibilitàdegli impianti elettrici .

I tre livelli di certificazione

Con la norma CEI 64-8 e la variante del marzo 2011, oggi gli impianti elettrici vengono classificati secondo tre livelli:

  • Base
  • Standard
  • Domotico

Livello Base

E' il livello minimo obbligatorio per realizzare un impianto elettrico che garantisce i requisiti minimi di sicurezza e fruibilità. Questo livello presenta per ogni tipologia di stanza un numero minimo di dispositivi.

Livello standard

Questo livello comprende quello Base più altre funzionalità. Con il livello standard è obbligatorio l’adozione di dispositivi come i sistemi di antintrusione, gli allarmi tecnici e videocitofono che offrono maggiore protezione contro intrusioni e pericoli da malfunzionamento degli impianti.

Livello domotico

Questo livello si rivolge a coloro che vogliano una casa "intelligente”, comoda, sicura, controllabile, anche da remoto, tramite un'unica interfaccia.

Il livello domotico per essere considerato tale deve rispondere come minimo a 4 delle seguenti funzioni:

  • anti intrusione;
  • controllo carichi;
  • gestione temperatura
  • scenari illuminazione e tapparelle;
  • controllo remoto;
  • sistema diffusione sonora;
  • rivelazione incendio ((UNI 9795);
  • sistema antiallagamento e/o rilevazione gas.

Per avere informazioni sempre aggiornate circa le normative che regolano gli impianti elettrici potete chiamarci o compilare il form di contatto.

Commenti